DONAZIONE DI TRE ELETTROCARDIOGRAFI

Grande cerimonia nel reparto di Cardiologia dell'Ospedale Civile Ss. Giovanni e Paolo, l'Associazione Amici del Cuore di Venezia dona tre elettrocardiografi.

Mercoledì 14 novembre la nostra associazione ha consegnato ufficialmente al reparto di Cardiologia del'Ospedale Civile di Venezia tre elettrocardiografi di nuova generazione. Si tratta di strumenti in grado di digitalizzare gli esami da inserire nella futura cartella elettronica. Gli strumenti del valore di circa 13.000,00 euro, raccolti con le donazione effettuate alla nostra associazione, sono gli stessi sperimentati per la prima volta alla mostra del cinema di Venezia, quando furono esaminate produttivamente centinaia di persone.

Tre strumenti e tre prospettive diverse: tecnica, gestionale ed associativa illustrate dalle autorità presenti alla cerimonia. Innanzitutto il Primario, Dott. Giuseppe Grassi, che ha chiarito come questi "gioiellini della tecnologia" siano in grado di digitalizzare i tracciati per conservarli in una tessera magnetica. Una tessera, tipo bancomat, che conterrà, in prospettiva, tutti gli esami del paziente, condizione importantissima per il confronto con i nuovi tracciati. Si tratta quindi di un passo in avanti rispetto alla tecnologia tradizionale.

Il Direttore Generale della ULSS3. Dott. Dal Ben, ha evidenziato poi che "è importante che la città ami il suo ospedale", aggiungendo che questa donazione ne è evidente testimonianza. Ha concluso con il ringraziamento speciale a tutto il personale del reparto che lavora in condizioni " non facili" determinate dalla difficoltà di reperimento di medici. Un tema molto caro, questo, all'associazione, come ha illustrato il Presidente Esposito, che ha annunciato in un prossimo futuro nuove importanti donazioni in un reparto che ha definito "di eccellenza nel vero senso della parola per le qualità dimostrate dai medici e dal personale infermieristico".

Durante il piccolo rinfresco seguito alla cerimonia si respirava un compiacimento collaborativo tra le diverse componenti che fa ben sperare nelle prospettive future del reparto che nel tempo va consolidando la condizione di alta professionalità.

Vai all'inizio della pagina