Pietro Volpe

Il giorno di giovedì 9 maggio viene organizzata una uscita in Friuli con il seguente programma:

ore 8.45 ritrovo dei partecipanti all'arrivo del people mover al Tronchetto

ore 10.30 arrivo al lago di Barcis

ore 11.00 partenza con il trenino della Valcellina a noi riservato per la visita della forra del torrente Cellina percorrendo la vecchia strada tra strette pareti di roccia

ore 12.15 trasferimento al paese di Vivaro per il pranzo presso il ristorante Gelindo dei Magredi con il seguente menù:

                benvenuti al tavolo: cioppini, fiocchi di frico, bruschette con ricotta alle erbe e salsa di cipolla, verdurini dell'orto croccanti, salumi della fattoria e frittata friulana

                accoglienza rustica: polentina di mais antichi con salsa d'asin (formaggio salato) e peverada

               primi piatti: crespelle gratinate con erbe di campo e formaggio asin, gnocchi di patate e spinaci con ragout alla cacciatore

               secondo piatto: tagliata di cappone con rucola e prosecco, contorni cotti e gra misto di insalate dell'orto

               dessert

              fine pranzo: caffè (corretto), liquorini, frutta spiritosa

              a tutte le portate verranno abbinati vini diversi di produzione locale.

              Durante il pranzo verrà effettuata una lotteria con in premio prodotti della fattoria Gelindo dei Magredi

Il costo è di 60 euro per persona  e chi fosse interessato è pregato di telefonare al numero di cellulare 3400060633 versando una caparra di 20 euro, con modalità da concordare al momento della prenotazione, entro il 30 aprile.

Le prenotazioni saranno accettate fino al raggiungimento dei posti disponibili nel trenino che sono circa 50.

 

Viene convocata per il giorno di giovedì 18 aprile 2019 alle ore 7 in prima convocazione ed alle ore 15 in seconda convocazione, presso la sala della biblioteca San Domenico, l'assemblea annuale degli associati per l'approvazione del bilancio 2018 con il seguente ordine del giorno:

saluto all'assemblea da parte del Primario del reparto di Cardiologia Dott. Giuseppe Grassi

lettura della relazione del Consiglio Direttivo da parte del Presidente

lettura del bilancio 2018 da parte del Tesoriere

lettura della relzione dei revisori dei conti

lettura del bilancio di previsione 2019

approvazione dei punti 3-4-5 da parte dell'assemblea

varie ed eventuali

Per poter partecipare al voto è necessario essere in regola con il versamento della quota annuale di iscrizione all'associazione di 20 euro.

 

Presso il supermercato Conad del Lido di Venezia, tra i clienti che affollavano il negozio, si è svolta una simpatica manifestazione che ha visto la consegna di un contributo economico di 1.500,00 euro da parte della Dirigenza del supermercato alla Associazione Amici del Cuore di Venezia guidata dal Primario del reparto di Cardiologia dell'Ospedale Civile di Venezia Dott. Giuseppe Grassi.

L'importante contributo è stato consegnato al Presidente dell'Associazione Pasquale Esposito che ha voluto sottolineare, in modo particolare, che la raccolta di tutti i fondi che vengono consegnati all'Associazione sono dalla stessa devoluti interamente all'acquisto di attrezzature mediche per il reparto di Cardiologia dell'Ospedale Civile di Venezia.

Recentemente l'Associazione ha donato 2 personal computer per gli uffici del reparto, nei mesi scorsi tre elettrocardiografi di ultima generazione del valore complessivo di oltre 15.000,00 euro, mentre ci piace sempre ricordare il dono della Sala di Emodinamica a suo tempo donata per un valore di circa 700.000,00 euro per un totale, assieme ad altre donazioni, a tutt'oggi di circa 1,300.000,00 euro.

Per quanto attiene la donazione Conad è intendimento del Direttivo dell'Associazione di destinare questo contributo all'acquisto di un defibrillatore semiautomatico da consegnare, durante un corso di massaggio cardiaco che l'Associazione sta svolgendo con regolarità nelle scuole, ad una Associazione Sportiva Dilettantistica del Lido di Venezia che ne avesse necessità.

Vogliamo concludere con un appello a chi leggerà queste poche righe: l'Associazione sta cercando volontari per il servizio in corsia. Chi fosse interessato può chiamare il cellulare n. 3475580200.

Il giorno 21 dicembre 2018 gli Amici del Cuore di Venezia sono andati in trasferta. L'incontro è stato organizzato dallo stesso Primario del reparto di Cardiologia, Dott. Giuseppe Grassi, per ricambiare gli amici del paese che, valutando importante e meritoria l'attività svolta dal reparto di Cardiologia dell'Ospedale Civile Ss. Giovanni e Paolo di Venezia, mediante una diffusa colletta, hanno effettuato una generosa donazione alla nostra Associazione.

Alcuni volontari, a bordo del pulmino guidato dal Presidente, nel quale erano stati collocati anche i consueti preziosi collaboratori, cioè i manichini sui quali effettuare le esercitazioni, arrivavano alle ore 17.00, tra le classiche venete nebbie serali, presso la sede del Comune di Fiesso d'Artico. In quella sede venivano poi raggiunti dal Primario e dagli infermieri del reparto che si erano resi disponibili, a titolo di volontariato, alla manifestazione.

Nell'Aula Magna alla presenza del Sindaco e di altri rappresentanti della Associazioni locali, nonchè di semplici cittadini, convocati tramite manifesti e volantini, il Primario ha tenuto una chiara e concisa lezione, utilizzando anche il grande schermo predisposto per l'occasione. Subito dopo due gruppi selezionati dei presenti, guidati dagli infermieri, hanno potuto sperimentare individualmente le difficoltà e la corretta tecnica del massaggio cardiaco che, se ben praticato, può salvare una vita.

Il Primario il Presidente ed il Tesoriere hanno poi consegnato alla cittadinanza un defibrillatore di ultima generazione, del quale era stata precedentemente spiegata l'importanza. Il Sindaco ha ringraziato calorosamente l'Associazione per il corso e per il dono, garantendo la corretta collocazione dello strumento che effettivamente mancava in quella sede.

 

Silvano Visintin

 

Come lo scorso anno l'offerta si ripete

Il CONAD CITY del lido nella settimana dal 10 al 16 dicembre devolverà alla nostra associazione 10 centesimi di euro per ogni scontrino che verrà emesso alle casse.

Lo scorso anno questa iniziativa ha permesso di ricevere all'associazione la somma di 1.500,00 euro, una somma importante che è stata utilizzata per le necessità del reparto di Cardiologia dell'Ospedale Civile Ss. Giovanni e Paolo di Venezia.

Inviatiamo pertanto tutti gli associati alla nostra associazione a contribuire per questa iniziativa recandosi ad effettuare acquisti presso la Conad City del Lido, in Gran Viale Santa Maria Elisabetta, in modo di aumentare la donazione che verrà effettuata.

Il Presidente - Pasquale Esposito

Mercoledì 14 novembre alle ore 18, il primario di Cardiologia Dott. Giuseppe Grassi ed il personale infermieristico del reparto, accompagnati dai volontari dell'associazione Amici del Cuore di Venezia responsabili della parte logistica, hanno tenuto un corso di massaggio cardiaco nei locali del circolo culturale Olivolo a Castello nei pressi dell'Arsenale.

Il circolo è fucina di iniziative culturali ed artistiche ma è divenuto anche un riferimento sociale per tutto il quartiere, rimasto popolare ed ancora abitato da molte famiglie veneziane. La zona è sprovvista di presidi medici ed in particolare mancava di un defibrillatore. Quindi, su segnalazione di un nostro associato ed in accordo con il direttivo, il Presidente Esposito oltre a programmare il corso di massaggio cardiaco, ha consegnato al circolo anche un defibrillatore di ultima generazione del valore di circa 1.300,00 euro. L'accordo prevede inoltre che alcuni soci dell'associazione Olivolo frequentino poi un corso che rilascia la certificazione per l'utilizzo. Lo strumento, ha assicurato il responsabile del centro culturale, sarà collocato in un angolo del quartiere, in bella evidenza, e di facile reperibilità in caso di necessità.

Prendendo spunto dal tema della defibrillazione immediata che salva una vita, il Primario ha poi tenuto una chiara ed efficace lezione propedeutica alla pratica del massaggio cardiaco che i presenti hanno sperimentato più volte utilizzando gli appositi manichini. Guidati dai consigli degli esperti infermieri, durante gli esercizi sono state date esaurienti risposte ai molti quesiti in un clima di cordiale collaborazione.

Anche questa vollta, il Primario ed i suoi collaboratori hanno dimostrato di essere una squadra affiatata, motivata ed umanamente speciale. Un conforto ed una garanzia per tutte le persone che avessero bisogno del loro intervento. Uno stimolo anche per il volontari della nostra associazione ad incrementare gli sforzi per rendere sempre migliore il loro lavoro.

Grande cerimonia nel reparto di Cardiologia dell'Ospedale Civile Ss. Giovanni e Paolo, l'Associazione Amici del Cuore di Venezia dona tre elettrocardiografi.

Mercoledì 14 novembre la nostra associazione ha consegnato ufficialmente al reparto di Cardiologia del'Ospedale Civile di Venezia tre elettrocardiografi di nuova generazione. Si tratta di strumenti in grado di digitalizzare gli esami da inserire nella futura cartella elettronica. Gli strumenti del valore di circa 13.000,00 euro, raccolti con le donazione effettuate alla nostra associazione, sono gli stessi sperimentati per la prima volta alla mostra del cinema di Venezia, quando furono esaminate produttivamente centinaia di persone.

Tre strumenti e tre prospettive diverse: tecnica, gestionale ed associativa illustrate dalle autorità presenti alla cerimonia. Innanzitutto il Primario, Dott. Giuseppe Grassi, che ha chiarito come questi "gioiellini della tecnologia" siano in grado di digitalizzare i tracciati per conservarli in una tessera magnetica. Una tessera, tipo bancomat, che conterrà, in prospettiva, tutti gli esami del paziente, condizione importantissima per il confronto con i nuovi tracciati. Si tratta quindi di un passo in avanti rispetto alla tecnologia tradizionale.

Il Direttore Generale della ULSS3. Dott. Dal Ben, ha evidenziato poi che "è importante che la città ami il suo ospedale", aggiungendo che questa donazione ne è evidente testimonianza. Ha concluso con il ringraziamento speciale a tutto il personale del reparto che lavora in condizioni " non facili" determinate dalla difficoltà di reperimento di medici. Un tema molto caro, questo, all'associazione, come ha illustrato il Presidente Esposito, che ha annunciato in un prossimo futuro nuove importanti donazioni in un reparto che ha definito "di eccellenza nel vero senso della parola per le qualità dimostrate dai medici e dal personale infermieristico".

Durante il piccolo rinfresco seguito alla cerimonia si respirava un compiacimento collaborativo tra le diverse componenti che fa ben sperare nelle prospettive future del reparto che nel tempo va consolidando la condizione di alta professionalità.

La nostra Associazione proporrà un corso di massaggio cardiaco, presso i locali della Associazione culturale Olivolo a San Francesco della Vigna, il giorno di mercoledì 14 novembre lle ore 18.

Il corso verrà effettuato con l'intervento del Primario di Cardiologia Dott. Giuseppe Grassi, assistito dal personale del reparto di Cardiologia e dai volontari della nostra Associazione, tramite attività informativa mediante propiezione di filmati e da attività pratica attraverso prove di massaggio cardiaco effettuate su manichini.

Chi fosse interessato alla partecipazione è pregato di chiamare l'Associazione culturale Olivolo oppure la nostra Associazione al numero di cellulare 3400060633.

Il giorno di mercoledì 17 ottobre sono iniziati i corsi di attività fisica di mantenimento intrattenuti dalla nostra Associazione presso i locali della casa di riposo San Lorenzo. I corsi si svolgono con cadenza bisettimanale nei giorni di mercoledì e di venerdì dalle ore 9 alle ore 10.

Chi fosse interessato a partecipare è pregato di telefonare al numero di cellulare 3400060633.

DUE BELLE GIORNATE

Due magiche giornate che hanno confermato la validità del progetto.

Visite di controllo cardiologico con elettrocardiogramma alla Mostra del cinema di Venezia! Sembrava davvero un azzardo, una trovata estemporanea e qualcuno, a sentirla, sorrideva quasi fosse l'ennesimo gioco del circo mediatico. Invece, oltre duecento controlli hanno evidenziato che il bisogno della popolazione è sentito e reale.Il Primario e la sua equipe, medici ed infermieri del reparto di Cardiologia dell'Ospedale civile di Venezia, ed i volontari dell'Associazione "Amici del cuore di Venezia", avevano letto giusto. In quel contesto, ma forse in qualunque contesto, l'iniziativa non era fuori luogo.Non è stata una impresa facile, perchè il temporale furente di venerdì sera ha fatto a pezzi il grande gazebo, felicemente installato nel pomeriggio dai volontari. Ci è voluta tutta la caparbietà del Presidente Esposito per convincere a non rinunciare ed a riparare con mezzi di fortuna la struttura e rimettere in funzione le tende. Dentro venivano portate le nuove apparecchiature di ultima generazione, donate dall'Associazione, che richiedevano meticoloso rispetto. Ed il sabato non ha risparmiato scrosci violenti di pioggia a metà giornata, durante i quali il Primario ed i suoi generosi collaboratori hanno resistito, come fanti del Piave, continuando imperterriti l'esecuzione degli accertamenti. Il bello, però, arrivava a fine giornata, quando, per evitare nuove distruzioni, il gazebo veniva completamente smontato per essere rimontato il mattino seguente.  La preziosa attrezzatura medica veniva portata al sicuro e reinstallata il giorno dopo. Sembra tutto facile a dirsi, ma tali faticose operazioni impreviste si svolgevano con la minaccia continua di pioggia che andava e veniva.In tutto questo parapiglia, però, il servizio diagnostico è stato sempre garantito con professionalità, gentilezza, simpatia. Si dice che le difficoltà a volte possono stimolare le energie migliori. Così è stato in questo caso, per chi ha avuto modo di essere vicino agli operatori, si è accorto di come, nonostante tutto, si agisse in un clima di serenità, con sincera consapevolezza dell'importante servizio e con simpatico rapporto di collaborazione. Molti sacrificavano così la giornata di riposo, c'era anche chi aveva fatto il turno di notte e continuava l'attività senza lamentarsi. Il Primario ha trascorso le intere due giornate con meticolosa puntualità, dimostrando inoltre ottime capacità organizzative anche nell'attività di campeggio, cui non si è sottratto, impegnandosi in prima persona nello smontaggio del gazebo. La simpatia, le spiritose battute,la serenità conviviale di fine giornata, quando il gruppo si è riunito a conclusione dei lavori, ha confermato quanto da tempo gli "Amici del cuore" vanno sotenendo, IL DONO VOLONTARIO è una ottima medicina anche per chi lo offre, non solo per chi lo riceve. Al di là di ogni facile retorica, l'iniziativa ha evidenziato comunque buoni risultati e quindi si progetta di riproporla con le necessarie migliorie logistiche.

 

 

Pagina 1 di 5
Vai all'inizio della pagina